Se hai effettuato altri ordini inserisci la tua email e la password:
Se vuoi Registrati Clicca Quì  —  Hai dimenticato la password?

L'ambiente del sud
La persona - Collana Emmanuel Mounier
Gli sforzi e i processi educativi
Per una nuova evangelizzazione
I problemi intorno alla persona
Per rileggerli
Teologia e tradizione
Studi di storiografia filosofica
Analecta nicolaiana
Svegliare l'aurora
Historica
Studi e ricerche dell'Istituto Superiore di Scienze Religiose - Bari
I racconti
Theologica - Collana della Facoltà Teologica Pugliese

NOVITA'
PROMOZIONI
CONDIZIONI DI VENDITA
Prodotti nel carrello: 0  |  Totale pubblicazioni: 189  |  Visualizza carrello  |  Svuota carrello
DESCRIZIONE PUBBLICAZIONE
CODICE: THEO 02
COLLANA: Theologica - Collana della Facoltà Teologica Pugliese
AUTORE: a cura di Emmanuel Albano
DATA PUBBL.: 04/2018
EDIZIONE:: 1
VOLUME:: 1
ISBN: 9788885952034

LA CENA DEL SIGNORE
Una prospettiva di studio diacronica

Quantità
€ 25,00


La pista verso cui c’indirizza autorevolmente la sapiente narrazione
lucana dei discepoli di Emmaus (cf. Lc 24,13-35) è, piuttosto, quella
che riconduce all’unico Signore che è il Risorto, viandante con i suoi,
l’accensione del cuore nell’esegesi/interpretazione delle Scritture e il
suo darsi a conoscere infine nello spezzare il Pane: sottraendosi
proprio così, col suo darsi concreto nella carne dell’Eucaristia, a
qualsivoglia tentativo di cattura, tenendo invece desta e ravvivando
la struggente e vigilante attesa della sua ultima venuta.
È il volto di Dio che si fa parola e gesto, mediante l’Eucaristia, nella
nostra carne, come dichiara la prima lettera di Giovanni esplicitando
il prologo del quarto vangelo: «Nessuno mai ha visto Dio, se ci
amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l’amore di lui è perfetto»
(1Gv 4,12).
Il linguaggio eucaristico, se per sé propizia un peculiare linguaggio
teologico, ancor prima e originariamente propizia un preciso
linguaggio ecclesiale. Esso, per la logica intrinseca del segno
eucaristico nella dinamica correlazione dei soggetti ecclesiali
secondo la peculiarità del loro ministero cui dà forma, non può in
prima istanza qualificarsi come gerarchico e piramidale, uniforme e
massificante, cerimoniale e identitario, ma piuttosto come fraterno
e sinodale, sinfonico e pluriforme, conviviale e ospitale: espressione
e maturazione progrediente dell’essere/diventare uno, nella libertà
dello Spirito, in Cristo Gesù (cf. Gal 3,28), per la salvezza del mondo.
(Dall’Introduzione)


© 2011, ECUMENICA EDITRICE Scrl - P.IVA: 00850890724 - Privacy - Informativa Cookie
Web Made In Italy Jcom Italia - Web Comunicazione Marketing